Preloader image
   
3313
post-template-default,single,single-post,postid-3313,single-format-standard,satellite-core-1.0.6,satellite-theme-ver-3.1,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive

Intervista a Max e Roby titolari del Famoso L’anonimo Dalmine

Come si Chiama il tuo locale?

L’ANONIMO

Avete una pagina Facebook ?

si:https://www.facebook.com/lanonimodalmine

Da cosa deriva il nome del tuo locale ?

L’origine del nome de L’Anonimo è una curiosità che in tanti hanno, la spiegazione non è immediata ma vi assicuriamo che nella “genesi” del nome c’è la dimostrazione di quanto sia difficile fare impresa in Italia, quindi se siete interessati mettetevi in modalità “ghigno paradossale” per i prossimi due minuti e godetevi la lettura.
Quando nel 2007 siamo subentrati alla vecchia gestione del ristorante (all’epoca si chiamava Bar Luca) avevamo in mente di realizzare una fusione tra cocktail bar e pizzeria, un’idea chiara di locale con un nome studiato per esso, pensavamo che da lì a due mesi al massimo saremmo riusciti ad iniziare i lavori di ristrutturazione e che una volta conclusi gli affari sarebbero andati alla grande…
Già…pensavamo!
Il problema è che essendo in affitto in un immobile di proprietà comunale ci siamo da subito scontrati con i tempi della burocrazia pubblica e dopo due anni non avevamo fatto nessun lavoro di ristrutturazione. Ovviamente sapevamo che l’identità da cocktail bar che avevamo in mente non si sarebbe mai potuta esprimere finché il locale non avesse subito un restyling, così in tutto quel tempo avevamo puntato sull’unica cosa che poteva attirare clientela a prescindere dal layout del locale: la pizza!
Il prodotto piaceva molto ed in tanti chiedevano dei biglietti da visita per poter tornare… non volevamo “bruciarci” il nome del progetto iniziale che avevamo in mente, allo stesso tempo volevamo distaccarci dal vecchio nome “bar luca” ed a rincarare la dose di sarcasmo della situazione era che l’amministrazione comunale dell’epoca non volesse insegne sulla facciata esterna del nostro locale. È così che, un po’ per protesta ed un po’ per autoironia, scegliemmo “L’Anonimo” come nome di quella “momentanea” situazione….
Il permesso per le insegne siamo riusciti ad ottenerlo nel 2011, i lavori di ristrutturazione siamo riusciti ad eseguirli nel 2015, ormai il nome aveva riscosso talmente tanto successo da essere diventato un punto di forza per noi e per i nostri clienti e pertanto divenne insostituibile.

Da quanto tempo esiste?

Come scritto sopra, la nostra famiglia ha rilevato l’attività precedente nel lontano 2007, siamo cresciuti tra innovazione, sperimentazione e tante novità. A ottobre L’Anonimo compirà orgogliosamente 13 anni.

Che tipo di cucina/ prodotto proponete ?

L’Anonimo da sempre punta sulla qualità e freschezza delle materie prime che vengono utilizzate per realizzare i nostri prodotti.
La nostra offerta è condizionata sicuramente dalla posizione strategica del nostro locale: situato nel centro di Dalmine, una città tra le più produttive nella provincia di Bergamo, sede di tutte le facoltà di ingegneria dell’Università di Bergamo, della Tenaris e del PO.IN.T. (POlo per l’INnovazione Tecnologica della Provincia di Bergamo); pertanto a pranzo proponiamo soluzioni a prezzo fisso molto competitive, tra cui Insalatone, Menù di cucina, Menù Pizza, Panini, Piadine e Hamburger.
Sul servizio serale regna indubbiamente la nostra pizza, soprattutto negli ultimi abbinamenti più ricercati; essa è accompagnata nelle serate di giovedì e venerdì dalla “Scrocchiarella” che, prodotta interamente da noi, riscuote un grandioso successo ormai da qualche anno.

Quanto si spende da voi in media ?

A pranzo la spesa media è di 8,50 € a cliente, mentre a cena ci aggiriamo attorno ai 20,00 €.

Cosa apprezzano di + di voi i vostri clienti ?

Per quanto riguarda il servizio siamo apprezzati per la nostra capacità di far sentire il cliente a proprio agio, come se fosse a casa sua. Questa è sicuramente una cosa a cui teniamo molto, cordialità e disponibilità sono valori che dovrebbero caratterizzare ogni locale pubblico che voglia far provare la migliore esperienza possibile ai propri avventori.
Invece parlando del prodotto è sicuramente apprezzata la nostra volontà nel garantire sempre il miglior risultato in ciò che proponiamo.

Cosa promette ai nuovi clienti per convincerli a provarvi?

La promessa che facciamo quotidianamente a tutti i nostri clienti, che essi siano nuovi o già acquisiti, è la promessa che facciamo a noi stessi: passione e amore in ogni dettaglio del nostro lavoro, che più di un lavoro è una vera e propria missione. Non vogliamo comprare la fiducia del nostro cliente, vogliamo guadagnarcela.

Come hai conosciuto la Intraweb s.r.l?

Tramite passaparola di un nostro cliente, il mitico Federico.

Come valuti il servizio che ti ha offerto la intraweb?

Il servizio è molto buono, le volte in cui è capitato che sorgessero delle problematiche sono sempre state trattate con serietà e professionalità. Traspariva chiaramente la volontà di risolvere al più presto il problema, anche se esso non dipendesse direttamente da Intraweb.

Cosa ti piace di piu della intraweb?

È un’azienda giovane, molto dinamica e molto volenterosa.
È specializzata principalmente nel settore della ristorazione e questo la rende più vicina alle esigenze del ristoratore.

Con i nostri prodotti cosa hai migliorato nel tuo locale?

Premesso che prima di Intraweb la presa comande veniva fatta solo con carta e penna, sicuramente la tecnologia offerta da loro ci ha permesso di essere più veloci, di sbagliare molto meno e di accrescere la percezione del nostro brand.

Per chiudere cosa ti senti di dire ai tuoi colleghi che non hanno ancora una cassa evoluta?

Pensiamo che oggi sia impossibile fare il nostro lavoro con dei mezzi “obsoleti”. La cassa evoluta è uno strumento indispensabile dal punto di vista organizzativo, permette di avere il massimo controllo sul lavoro consentendo di migliorare le proprie abilità gestionali.