Trasmissione telematica dei corrispettivi nel periodo transitorio

Software Agenzia entrate “DTF 17 Ver. 2.0.0” del 2 settembre 2019, per la trasmissione telematica dei corrispettivi nel periodo transitorio.

Dal 2 settembre 2019 l’Agenzia delle Entrate ha reso gratuitamente disponibile nel proprio sito internet un software denominato “DTF 17 ver. 2.0.0”, scaricabile su PC al seguente link: http://jws.agenziaentrate.it/jws/dichiarazioni/2017/DTF17.jnlp.

Per procedere con la successiva installazione del programma è necessario avere, installato sul proprio dispositivo, JAVA scaricabile gratuitamente al seguente link: https://www.java.com/it/download/.

Il software consente agli esercenti non ancora dotati di Registratore Telematico che beneficiano della moratoriaapplicata nella “fase transitoria” (V. N.I. Comufficio n. 42/2019) di predisporre un file contenente i corrispettivi giornalieri da inviare all’Agenzia delle entrate.
La procedura è ovviamente alternativa agli altri servizi di trasmissione dati indicati dal Provv. AE del 4 luglio 2019 (V. N.I. Comufficio n. 45/2019), e utilizza un software che nella versione iniziale era stato predispostoper la trasmissione dei dati delle fatture per le operazioni effettuate con soggetti esteri (c.d. “esterometro”).A questa trasmissione, nella nuova versione 2.0.0 è stata aggiunta la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi per la fase transitoria.

La procedura ricalca quella già utilizzata per la predisposizione e trasmissione della dichiarazione dei Redditi (Unico On Line 2019).

Sono disponibili in formato PDF anche le istruzioni per la compilazione al seguente link:http://jws.agenziaentrate.it/jws/dichiarazioni/2017/DTF17/localAppRoot/help/Istruzioni.pdf

In sintesi, i passi da compiere sono i seguenti:

  1. Eseguito l’accesso, viene richiesto di scegliere il tipo di servizio (tra “esterometro” e corrispettivi telematici);
  2. Nella maschera successiva è richiesta l’indicazione della partita IVA (dato obbligatorio) e della scelta tra compilazione o annullamento dei dati dei corrispettivi; viene assegnato un numero progressivo al file ed è possibile indicare gli altri dati identificativi (non obbligatori);
  3. Nella compilazione dei dati di dettaglio, si riporta l’indicazione del giorno cui si riferiscono i corrispettivi e i relativi importi suddivisi per imponibile, imposta e aliquota applicata.
  4. Attenzione: se l’imposta non viene inserita, questa viene calcolata automaticamente dal software applicando all’imponibile l’aliquota indicata. Se invece l’imposta viene inserita manualmente, occorre fare attenzione all’importo impostato in quanto questo non viene poi controllato dal software;
  5. Per gli importi riferiti a operazioni effettuate senza indicazione dell’IVA viene compilato il campo“Natura” nel quale, tramite il menù a tendina si può scegliere il codice da N1 a N7. In particolare, il codice N7 viene richiesto in caso di utilizzo del metodo della “ventilazione” dei corrispettivi; in tal caso, nei campi “imposta” e “aliquota” viene inserito il valore “0”;
  6. Infine, dopo avere confermato i dati inseriti, viene proposta la memorizzazione del file pronto per latrasmissione telematica all’Agenzia delle entrate.